I ciarlatani e gli impostori che si cibano dei nostri dubbi

ciarlatanoEssere dei professionisti oggi, cioè fare della propria attività una professione continuativa e redditizia e tale che ci permetta il sostentamento, non sempre (purtroppo) vuol significare essere degli esperti.
A volte, quando la nostra formazione tecnica è scadente o grossolana, si diventa dei ciarlatani.
Un ciarlatano, per definizione, è una persona che esercita pratiche risolutrici o si approfitta della buona fede delle persone allo scopo di ottenere vantaggi grazie a promesse false o fasulle.

Chi si vuol divertire a verificare che ciò che diciamo è vero ancor oggi, basta che si mette a cercare nel web. Tra le ricerche sulle soluzioni contro la muffa, per esempio, troviamo personaggi di tutti i generi: dai messiah che danno i loro consigli assoluti, fino ai personaggi più bizzarri (e pericolosi) che propongono ricette esclusive di loro invenzione; tutte panacee che ostentano con indifferenza alla collettività, peccato che sono assolutamente pericolose se non addirittura mortali!

Tra i tanti esempi che si sentiamo di citare, proponiamo qualche consiglio malscritto di alcuni dementi (la grammatica impeccabile dimostra anche il grado di cultura che vi è dietro), quali esempi da non seguire:

per eliminare la muffa si fa in questo modo, sono un esperto, mettere nella pittura lavabile tipo ducotone una buona quantità di diserbante quel liquido far seccare l’erba e pitturare anche una sola mano di pittura.
l’acqua quando si poggia sulle pareti fredde condensandosi non si marcisce e quindi non si notano quelle macchioline nere, come potete dire di usare una pittura traspirante oppure la calce, sono un imbianchino e fortunatamente questi sono i prodotti che rovinano la casa.
seguite il mio consiglio ho eliminato la muffa anche le cantine che erano più nere del carbone. per eliminare la salnitro poi uso la stuoia con la vetroresina e non mi venite a dire che quella sale oppure deve traspirare, dimenticavo che se le pareti respirano io ho visto i cavalli volare.

Oppure questo:

X non avere + problemi di muffa sui muri interni della mia abitazione, dopo aver trattato i muri con candeggina alla max concentrazione ho aggiunto una piccola dose di arsenico alla normale idropittura murale da interni!! Come è puntualizzato in diversi commenti la muffa è un microorganismo quindi un vivente al quale l’arsenico non va prettamente a genio!!! Per la sicurezza di chi userà poi le stanze così trattate e consigliabile però fare il lavoro d’estate x poter lasciare le finestre aperte facendo così asciugare bene il locale arieggiandolo e con una maschera ed occhiali di protezione in modo che il veleno non venga a contatto con bocca, occhi ecc!!!
Questa “correzione velenosa” è stata da me fatta anche ad un trattamento antivegetativo x una fontana da giardino su cui crescevano + vegetazione che all’equatore ottenendo risultati sempre ottimi (non usarlo xò se la vasca ospita solitamente pesci)!!!

Ora, a prescindere dai consigli di simili personaggi (che speriamo non vengano mai seguiti da nessuno), purtroppo anche noi ci troviamo a dover combattere con le fissazioni di alcuni utenti che si dichiarano dei ‘professionisti’.
Nonostante che siamo coscienti di offrire prodotti veramente efficaci, sicuri ed atossici, ci dobbiamo comunque scontrare con coloro che si sentono già esperti e formati al punto che non si leggono le schede tecniche, né si informano sui metodi ottimali di applicazione dei prodotti.
Si sentono esperti al punto che riescono ad ottenere risultati scadenti anche laddove gli altri utenti non professionisti e che applicano i prodotti per la prima volta, ne esaltano i meriti ed i grandi risultati.
Ci troviamo a scontrarci con professionisti che rimangono della convinzione che l’umidità muraria non si sconfigge senza demolizioni (o contromuri) e che, nonostante l’evidenza dei fatti, si pongono il dubbio sulla durata del trattamento (dimenticando che i loro metodi hanno vita ben più limitata che non supera i 3 anni).

Per farla breve il nostro consiglio, come anche riportato in etichetta, è quello di contattare l’assistenza tecnica per avere chiarimenti, spiegazioni e informazioni e non fidarsi mai di chi elargisce opinioni gratuite senza conoscere a fondo né il prodotto né il principio su cui si basa di suo funzionamento.

La nostra assistenza è un punto di forza assolutamente gratuito ed efficace che vi aiuterà a trovare la soluzione più adatta al vostro problema senza alcun obbligo di acquisto.  Scusate se è poco.

le citazioni in colore sono autentiche e provengono da qui

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 3 =

Share