Come nasce

molecular engravingIl prodotto nasce da una ricerca avviata nel 2004 nel settore del risparmio energetico (e parallelo alle LENR) da un team totalmente italiano.
In seguito ai successi riscontrati con una speciale cella da riscaldamento ad altissima efficienza, si è pensato di approfondire gli studi sulle peculiari caratteristiche del suo speciale liquido radiante.

Tale composto, a base acqua, presenta una molecola molto singolare e dalle proprietà veramente particolari; dopo mesi di studi si è compreso che tale liquido possiede delle grandi potenzialità se applicato alle murature umide e si è quindi iniziato l’affinamento per una sperimentazione ed un successivo utilizzo commerciale.

Il processo di produzione è denominato EAS (Elettrolisi Armonica Spettrale) e, tramite speciali impulsi elettromagnetici a sintesi di frequenza, applica alla molecola base, delle caratteristiche chimico-fisiche mirate e adattate all’applicazione a cui sarà destinata.
Il prodotto risultante non contiene sostanze chimiche né siliconiche, è totalmente pulito, atossico inodore ed ecobiologico e si presta perfettamente in applicazioni domestiche dove la sicurezza per la salute dell’utente è di primaria importanza.

Il primo prodotto commercializzato ed ampiamente testato fin dal 2013 da centinaia di utenti, si chiama IgroDry e moltissimi utenti e professionisti ne hanno comprovate le grandi peculiarità e l’ efficacia anche in situazioni difficili.

Dopo ulteriori ricerche, miglioramenti ed affinamenti (mirati ad ottenere risultati ancora più efficaci), dalla fine del 2015 entra in commercio una nuova famiglia di molecole col nome disAqua e si presenta con 5 diverse specializzazioni studiate per risolvere tutte le varie problematiche che si possono presentare in cantiere.

Non più un unico e generico prodotto quindi, ma una famiglia di prodotti con spiccate attitudini rivolte anche alla problematica più specifica.

Non resta che provarlo!

In figura l’immagine della molecola disAqua ottenuta con uno speciale e complesso microscopio elettronico a scansione 

Il team disAqua

 

Share
Share