Le origini e le tipologie dell’umidità negli edifici

Premessa e precisazioni

I problemi che sono connessi con l’umidità edilizia richiedono la necessità di rendere il più possibile immuni i manufatti edilizi dai danni dovuti all’acqua; una corretta esecuzione dei lavori influisce fortemente sulla durata delle opere costruite e sul benessere igro sanitario di chi vi abita.

I metodi e i processi, atti a limitare l’influenza negativa dell’acqua sulle strutture edilizie, si estendono ad un ampio campo di conoscenze e di tecniche atte ad impedire o limitare al massimo il deterioramento dei manufatti dovuti agli effetti degradanti dell’umidità e dei sui derivati.


Umidità

L’umidità è un fenomeno che può aggredire, in misure e modalità differenti, qualsiasi tipo di edificio danneggiandolo in modo evidente ma anche latente (e inizialmente invisibile), con una lenta e costante opera erosiva ed estetica. Leggi tutto “Le origini e le tipologie dell’umidità negli edifici”

Share

Abitare responsabile e salubre

Edilizia salubre per vivere bene in casa…

Presentiamo un bel documento divulgativo edito dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Italiani, dall’Associazione Nazionale Donne Geometra e dall’Associazione Nazionale Esperti in Edificio Salubre.
La semplicità di esposizione, unito ad una obiettiva analisi dei veri problemi che affliggono i nostri moderni ambienti abitati, ci ha convinti a pubblicarlo tra le nostre pagine.

Dopo una breve presentazione (estratta dal documento in questione) seguirà un link di download che tutti potranno liberamente scaricare. Da parte nostra un sincero grazie alle associazioni già citate per il bel lavoro effettuato.


Oggi l’individuo trascorre il 90% del suo tempo in ambienti chiusi, soprattutto in casa, nei luoghi di lavoro o svago, a scuola, in residenze per anziani, ecc. e la conoscenza dei killer che si nascondono in questi ambienti permette di rimuovere le cause che generano malattie che possono diventare perfino letali. Leggi tutto “Abitare responsabile e salubre”

Share

Le muffe, perché? Come risolvere le muffe in casa.

muffe in casaCome tutti gli anni, con i primi freddi, si impennano le vendite dei deumidificatori domestici.
In effetti, per evitare di trovare le muffe in casa, la prima cosa da fare, oltre che ventilare spesso con aria fresca esterna, è di ridurre l’umidità ambientale.
Quando si ha timore di aprire le finestre la mattina per il freddo, la scelta più ovvia è optare per la deumidificazione elettrica.

Ma non sempre questa tecnica è così vantaggiosa come sembrerebbe…  Diversi sono i motivi.

Il primo è che un ricambio d’aria esterno di 10 minuti è molto più efficace e molto meno dispendioso (in termini di energia) rispetto a un deumidificatore acceso per una intera giornata.

Il secondo è che la qualità dell’aria immessa in ambiente da una finestra aperta per 5 minuti è nettamente superiore a quella dell’aria viziata ristagnante (che viene solo deumidificata).

Il terzo è che un buon ricambio d’aria, oltre alla questione energetica e sanitaria, ne beneficia anche la qualità psicofisica umana ed il benessere ambientale.

Ma perché sempre più abitazioni oggi tendono a generare muffe?

1. Si tende a riscaldare troppo gli ambienti.
Sembra sia consolidata la regola che tanto calore in casa sia sintomo di benessere, di salute (e di disponibilità finanziaria). Leggi tutto “Le muffe, perché? Come risolvere le muffe in casa.”

Share

Le pitture ai silicati in edilizia

 

Le pitture ai silicati, dette anche colori minerali, colori a base di silicato di potassio o colori Keim, per la loro alta traspirabilità e permeabilità, sono pitture adatte ad ogni uso edilizio e particolarmente usate in interventi di restauro di pregio.

Si prestano particolarmente ad essere impiegate su pareti di edifici umidi, su antichi edifici con muri portanti in pietra di grande spessore o su edifici posti in prossimità di fiumi, laghi o coste; cioè luoghi dove, per l’elevata umidità relativa, è richiesta la massima traspirabilità.

E’ una tecnologia relativamente nuova che viene utilizzata sia su edifici di recente costruzione che su immobili di qualità oggetto di restauro.

Le pitture ai silicati non vanno assolutamente confuse con le pitture ai silossani, ma sono una validissima alternativa alle classiche pitture a base di calce.
Rispetto a queste ultime, pur offrendo una struttura minerale molto simile, Leggi tutto “Le pitture ai silicati in edilizia”

Share

Il benessere invisibile

Definizione di comfort

In generale una persona si trova nello stato di benessere, quando non percepisce nessun tipo di sensazione fastidiosa ed è quindi in una condizione di neutralità rispetto all’ambiente che lo circonda.

Per definizione il benessere non è una quantità misurabile analiticamente, ma statisticamente, in quanto dipendente da molte variabili di cui alcune sono strettamente soggettive e di natura psicologica.

Tali variabili sono:

  • il benessere termico e igrometrico
  • il benessere olfattivo (legato alla qualità dell’aria)
  • il benessere visivo (relativo all’illuminazione)
  • il benessere acustico (relativo ai rumori dispersi e fastidiosi)
  • il benessere psicologico

Il comfort termico dipende da:

  • parametri fisici (temperatura dell’aria, temperatura media radiante, umidità relativa, velocità dell’aria, pressione atmosferica)
  • parametri esterni (attività svolta che influenza il metabolismo, abbigliamento)
  • fattori organici (età, sesso, caratteristiche fisiche individuali)
  • fattori psicologici e culturali

Leggi tutto “Il benessere invisibile”

Share

L’equivoco legale sui prodotti ecologici

prodotti ecologiciPer definizione un prodotto viene considerato ecologico quando dimostra un minore impatto ambientale rispetto agli altri prodotti della stessa categoria.

I prodotti ecologici, pur rimanendo competitivi dal punto di vista della qualità (e a volte del prezzo), devono garantire di essere più sostenibili degli altri lungo tutto il loro ciclo di vita: devono avere dei livelli di emissione di inquinanti e di consumo di energia più bassi nella loro fase di produzione, devono contenere la quantità più bassa possibile di sostanze chimiche tossiche o inquinanti, devono essere progettati per garantire un più facile smaltimento (o riciclaggio) delle materie prime di cui sono composti.

I prodotti ecologici spesso espongono un marchio (o una etichetta) che ne garantisce le migliorate qualità ambientali, oppure possono essere accompagnati da una autocertificazione dello stesso produttore.

Andare però a computare l’effettiva atossicità di un prodotto in commercio rispetto ad un altro, è assai difficile per il consumatore meno esperto.

C’è poi un grave fraintendimento di fondo: anche se il produttore etichetta un suo prodotto ecologico, non significa che tal prodotto non contenga sostanze chimiche né che tali sostanze non siano dannose per l’uomo, per gli animali e per l’ambiente. Leggi tutto “L’equivoco legale sui prodotti ecologici”

Share

Le muffe domestiche che ci avvelenano

muffeLe muffe

Appartengono alla grande famiglia dei funghi e, come questi, si riproducono.
Sono esseri viventi in grado di liberare tossine anche in elevata quantità che possono essere estremamente nocive per la nostra salute.
Possono provocare patologie di vari tipi: dal semplice mal di testa, alle riniti, alle allergie, fino a malattie ben più importanti come tumori, nefropatie ed epatopatie.
Il problema è che nessuno le sa riconoscere per tempo e spesso si attende che il problema sia troppo avanzato prima di provvedere.
All’inizio, in effetti, passano facilmente inosservate, perché le spore sono invisibili e vengono trasportate ovunque dall’aria, poi quando si attaccano nei punti più favorevoli rimangono nascoste per parecchio tempo, iniziano solo a vedersi dei filamenti molto piccoli e già iniziano a produrre altre spore per potersi distribuire altrove. Leggi tutto “Le muffe domestiche che ci avvelenano”

Share

Il trattamento risolutivo per muri umidi

muriumidiFino ad oggi, tecnici edili, rifinitori e ingegneri si sono trovati a dover combattere ad armi spuntate contro il problema dei muri umidi.

Addirittura fino a circa 30 anni fa, non si erano ancora ben capite le cause di tali problemi (chi pensava ad un effetto capillare, chi ad un processo elettrostatico, chi elettrico).

Ancora oggi, purtroppo, molte aziende, che dichiarano di offrire dei sistemi infallibili contro l’umidità nei muri, basano i loro metodi su questi princìpi assolutamente errati e anacronistici.

I motivi oggi sono ormai conosciuti e dipendono da un eccessivo contenuto salino all’interno delle murature. Tali salinità sono, da un lato, insiti nei materiali stessi (già salini al momento della produzione) e, dall’altro, tendenzialmente endemici per taluni terreni particolarmente inadatti. Leggi tutto “Il trattamento risolutivo per muri umidi”

Share

La sindrome da edificio malato

SBSufficioLa Sindrome da edificio malato (altrimenti detto Sick building syndrome o SBS) indica un quadro sintomatologico ben definito, che si manifesta in un elevato numero di occupanti di edifici moderni o di recente ristrutturazione, dotati di impianti di ventilazione meccanica e di condizionamento d’aria globale (privi cioè di immissione di aria fresca dall’esterno) e adibiti a uffici, comparti di produzione, ricerche, scuole, ospedali, case per anziani, abitazioni civili.

Le manifestazioni cliniche sono generalmente aspecifiche e insorgono dopo alcune ore di permanenza nello stesso edificio. Si risolvono in genere piuttosto rapidamente dopo qualche ora o di qualche giorno (nel caso dei sintomi cutanei) dopo l’uscita dall’edificio. Leggi tutto “La sindrome da edificio malato”

Share

Eventi atmosferici avversi

 

Tra gli eventi atmosferici avversi che possono compromettere le strutture murarie andiamo ad analizzare i più comuni e frequenti.

muroinquinamInquinamento

In tutto il pianeta vengono riversati milioni di tonnellate di sostanze inquinanti, la loro concentrazione in atmosfera varia da zona a zona a seconda dalle caratteristiche climatiche specifiche e dal regime dei venti.
Il fattore principale di tale inquinamento è la produzione energetica dovuta all’utilizzo di combustibili fossili immettendo forti quantità di anidride solforica SO3 ossidi di azoto NOx e anidride carbonica CO2.
L’esagerata produzione di questi gas assume una importanza determinante ai fini del deterioramento delle superfici edilizie a causa del formarsi, in combinazione con l’acqua meteorica, di acido solforico H2SO4 e carbonico H2CO3 che producono forti azioni corrosive sul materiale edilizio. Leggi tutto “Eventi atmosferici avversi”

Share